Come usare la marijuana come medicina alternativa

Come usare la marijuana come medicina alternativa? Nell’era del progresso tecnologico e di importanti scoperte scientifiche, la medicina alternativa ha nuove possibilità. Le moderne tecnologie combinate con secoli di esperienza e di ricche conoscenze ne hanno aperto gli orizzonti.

Sempre più persone ricorrono ai suoi metodi e al trattamento e nella prevenzione di varie malattie. L’efficacia dei metodi di trattamento non tradizionali è dimostrata dal fatto che sono stati utilizzati per diversi millenni. Il principale vantaggio della medicina alternativa è, in primo luogo, l’uso di risorse innocue e sicure per la salute.

Come usare la marijuana come medicina alternativa
Come usare la marijuana come medicina alternativa

I metodi alternativi possono essere combinati con i trattamenti tradizionali, aumentandone l’efficacia. In particolare, il loro uso durante l’esacerbazione della malattia, così come in condizioni che richiedono cure mediche competenti e rapide.

La medicina non convenzionale aiuta a rafforzare il corpo, a ridurre le malattie croniche e a prevenire lo sviluppo di malattie. Il miglior modo per rimanere in salute è prevenire le varie malattie con l’uso di erbe. Uno dei più efficaci è la cannabis. Ma è essenziale sapere come usarla al meglio. Si può usare con un vaporizzatore.

Quali sono le opportunità dell’applicazione terapeutica (medica) della cannabis?

Per molti decenni sono stati pubblicati studi su potenziali applicazioni sulla medicina alternativa sia della pianta stessa che delle sostanze contenute nella canapa. Alcune opportunità sono state sostenute da lavori scientifici, mentre altre hanno bisogno di ulteriori ricerche. Di seguito sono riportati alcuni esempi sulla cannabis terapeutica:

  • Può migliorare l’appetito
  • Può alleviare i sintomi del dolore neuropatico
  • Può alleviare efficacemente il dolore dopo un’operazione chirurgica
  • Aiuta ad alleviare i sintomi della spasticità
  • Un trattamento con la Cannabis aiuta i pazienti con sclerosi multipla
  • Le sostanze chimiche attive presenti nella cannabis possono fermare la crescita del cancro alla prostata
  • La cannabis può proteggere le persone dall’osteoporosi in età avanzata

Alcuni sintomi di perdita di memoria simili a quelli osservati nella malattia di Alzheimer sono stati ridotti in esperimenti di laboratorio nei topi con l’uso di alcune sostanze chimiche presenti nella cannabis. Le sostanze contenute nella canapa possono alleviare i sintomi della dermatite allergica da contatto.

I cannabinoidi aggiunti agli oppiacei per trattare i pazienti con dolore cronico migliorano la prognosi del trattamento nei pazienti che ricevono il trattamento solo con gli oppiacei. Inoltre, questo trattamento combinato ci consente di ottenere dosi prescritte di oppiacei.

Le sostanze attive di cannabis possono aiutare ad alleviare il dolore associato alla chemioterapia. La terapia con cannabinoidi può aiutare a ridurre o a prevenire i sintomi dei disturbi da stress post-traumatico. Studi preliminari suggeriscono anche che la cannabis può essere utilizzata a scopo terapeutico per altre patologie:

  1. Emicrania
  2. Malattia infiammatoria intestinale
  3. Fibromialgia
  4. Abuso di alcol
  5. Artrite
  6. Asma
  7. Epilessia
  8. Alcuni disturbi del tratto digestivo
  9. Tumori maligni del tessuto gliale del sistema nervoso
  10. Malattia di Huntington
  11. Leucemia
  12. Anemia falciforme
  13. Sindrome di Tourette

Perché la marijuana nel vaporizzatore è meglio del fumo?

Ci sono molti vantaggi nell’usare il vaporizzatore con delle erbe invece del fumo. La ragione più evidente è una migliore salute in generale. Utilizzare un vaporizzatore non produce fumo, niente cenere e niente mozziconi di sigaretta. Se hai un problema come le macchie gialle sulle dita e un odore sgradevole alla bocca, puoi usare un vaporizzatore. Alcuni esempi di vaporizzatore:

Inoltre, non c’è odore specifico e il vapore non viene assorbito dai vestiti e dai capelli. Uno dei migliori vantaggi della vaporizzazione della marijuana è che può essere usato quasi ovunque. Nessuno vi vieterà di usare un dispositivo di questo genere.

Il vaporizzatore contiene sostanzialmente meno tossine del fumo

Il processo di combustione della marijuana può creare diversi agenti cancerogeni e catrame. Possono causare varie malattie polmonari. Con un vaporizzatore, si inala molto meno fumo nocivo. Inalare qualsiasi sostanza simile al fumo è molto dura per i polmoni.

I polmoni assorbono anche il vapore entro pochi secondi dall’assunzione, il che significa che non sarà necessario fare profondi o multipli aspirazioni. In sostanza, puoi anche eliminare completamente il fattore “fumo”. I vaporizzatori fanno pochissimo odore, a seconda del dispositivo o dell’olio che si sta utilizzando. Puoi confrontarlo con la marijuana che brucia, dove l’odore è molto intenso.

Trattamento del dolore con la marijuana

Le persone fumano marijuana per motivi personali; ricreazione, nausea, aumento dell’appetito, stress o ansia. La maggior parte delle persone usa la marijuana per curare anche dolori normali o cronici. La vaporizzazione è il modo più rapido per provare sollievo dal dolore con l’erba ed è ottimo per le persone che hanno bisogno di una riduzione immediata del dolore.

La medicina alternativa sostiene che il compito principale nel miglioramento della salute è quello di aiutare il corpo a superare i suoi disturbi e di non interferire con l’adempimento del programma inerente ad esso dalla natura stessa. I metodi tradizionali di trattamento hanno lo scopo di curare le malattie, mentre quelli non tradizionali hanno lo scopo di promuovere la salute.

Nella medicina alternativa, l’enfasi principale è la prevenzione delle malattie.

Vota questo articolo