Cannabis sativa

Articolo e recensione della Cannabis sativa, pianta molto nota e utilizzata in tutto il mondo da oltre 4,500 anni per svariati usi; ricreativi e curativi.

Originariamente, la Cannabis sativa era una pianta dell’Asia occidentale e centrale. È stata coltivata fin dai tempi antichi in Asia e in Europa. Si è diffusa nel Nuovo Mondo nei tempi post-colombiani. Il suo valore medicinale fu scoperto in India e coltivata già nel 900 aC. In India la coltivazione di questa pianta è controllata e permessa solo in alcuni distretti.

Descrizione Cannabis sativa

La canapa indiana (Cannabis sativa) è un’erba annuale della famiglia delle Cannabinaceae con steli eretti che crescono da uno fino ai tre metri. Le foglie sono palmate, con cinque o sette foglioline. I piccioli sono lunghi e sottili con stipole acute alla base, lineari-lanceolate, affusolate alle estremità e i margini sono leggermente seghettati.

Cannabis sativa
Cannabis sativa

L’altezza di questa piante può variare in base alle sue condizioni di coltura e può arrivare fino a ben cinque metri di altezza. I fiori sono unisessuali e nella pianta femminile sono disposti in racemi e possono produrre centinaia di semi. Le piante maschili perdono il loro polline e muoiono diverse settimane prima della maturazione dei semi.

Sebbene i fattori genetici dispongano una pianta per diventare maschio o femmina, i fattori ambientali incluso il ciclo della luce diurna possono alterare l’espressione sessuale. I semi, sono rotondi con una base rotonda di colore da verde a marrone fino al grigio. Le dimensioni dei semi sono compresi tra i 1,5 e 4 mm di lunghezza.

Le foglie

Durante la fase vegetativa precoce, le piantine formano fino a cinque coppie di foglie, disposte opposte, con internodi corti. Le prime foglie vere sono singole foglioline. Da allora in poi, le foglie diventano composte. La seconda coppia di foglie consiste in tre foglioline per foglia, la terza coppia ha cinque foglioline per foglia e così via, fino a undici foglioline per foglia.

Foglia di Cannabis sativa
Foglia di Cannabis sativa

Più tardi nella fase vegetativa, l’allungamento dello stelo accelera e la distanza tra gli internodi aumenta. Lo stelo normalmente non si dirama, spesso è cavo. La sua superficie è generalmente scanalata e ricoperta da un sottile strato scabro di tricomi di cistolite. Il sistema radicale è vigoroso e centrato da un fittone.

Le foglie della pianta sono utilizzate come farmaco per ridurre l’eccitazione, l’irritazione e il dolore e per migliorare il sonno. Le varietà coltivate a scopo ricreativo sono piccole, molto ramificate e con piccole foglie di colore verde scuro.

La storia della Cannabis sativa

Le piante commestibili selvatiche svolgono un ruolo importante nella sicurezza alimentare e nutrizionale di una larga parte della popolazione indiana che vivono in aree remote. Queste piante sono una buona fonte di minerali e vitamine essenziali per eliminare la malnutrizione delle popolazioni tribali che vivono in ambienti difficili.

Distribuzione della Cannabis sativa nel mondo
Distribuzione della Cannabis sativa nel mondo

La regione dell’himalayana dell’India è ben nota per la biodiversità delle piante selvatiche commestibili soprattutto consumate dalla popolazione locale sotto forma di cibo, medicine, carburante, foraggio, legname, fibre e per altri scopi. Tuttavia, sono state utilizzate dagli esseri umani per almeno 4,500 anni. Le varie parti, come le radici, i rizomi, i tuberi, bulbi, foglie, semi, fiori, frutti e cortecce delle piante vengono utilizzate per gli scopi sopra indicati.

I primi utilizzatori più famosi nella storia della Cannabis furono gli indù dell’India, in seguito si diffuse con la cultura indo-ariana al di fuori dell’India. Cresce naturalmente anche in Persia, nella Siberia meridionale e in Cina. In sanscrito la pianta è chiamata Vijaya e in hindi è nota con il nome di bhang. Fin dalla sua scoperta è stata usata da milioni di persone sia per indurre piacere che per alleviare il dolore.

Oltre alle sue proprietà stimolanti, esilaranti e sedative, il principio attivo della canapa indiana risiede nella resina vegetale. Il quaranta per cento di questo principio è usato nell’hashish resinoso affumicato. Il ventisei per cento nelle teste dei fiori essiccati che nei villaggi dell’India è conosciuta come “ganja”. Solo il dieci per cento è nelle foglie verdi macinate che vengono utilizzate per la preparazione della bevanda bhang.

Le classi dei prodotti chimici

La Cannabis sativa si trova in tutta l’India. Cresce comunemente nei terreni lungo i canali stradali e di irrigazione dei giardini. La Cannabis sativa produce oltre 538 prodotti chimici di varie classi. Le classi di questi prodotti chimici più importanti sono:

  • Terpenoidi
  • Cannabinoidi
  • Idrocarburi
  • Zuccheri e composti correlati
  • Composti azotati
  • Fenoli noncannabinoidi
  • Flavonoidi
  • Acidi grassi
  • Acidi semplici
  • Aminoacidi
  • Chetoni semplici
  • Aldeidi semplici
  • Proteine
  • Glicoproteine
  • Enzimi
  • Steroidi
  • Vitamina K

Gli effetti della Cannabis sativa

L’uso principale della Cannabis sativa è in medicina per alleviare il dolore, per l’influenza e per i disturbi nervosi. È utile per la nevralgia, per i reumatismi, per l’insonnia e molto altro ancora. L’azione è quasi interamente sui centri nervosi superiori. Può produrre un’ebbrezza esaltante con allucinazioni ed è ampiamente usata nei paesi dell’est come intossicante.

La natura del suo effetto dipende molto dalle condizioni ambientali e dal temperamento dell’individuo. Le sue proprietà narcotiche e anodine furono apprezzate dai medici occidentali nei primi anni del secolo scorso e furono incorporate nelle farmacopee britanniche e statunitensi.

Come narcotico, la canapa indiana viene consumata da sola o come bevanda. È più spesso usata fumandola, ma il fumo eccessivo è dannoso e può causare svariati problemi di salute. La ricerca scientifica indica che la perdita di stabilità mentale è uno degli effetti collaterali significativi derivanti dall’uso ricreativo della Cannabis sativa.

Nomi comuni della Cannabis sativa

I nomi comuni di questa pianta sono:

  • Bang (Egitto)
  • Ganja (India)
  • Gaanjaa (Nepal)
  • Marihuana (Spagna, Paesi bassi, Polonia e Germania)
  • Marijuana (Italia, Messico, Svezia, Ungheria, Russia, Stati Uniti e Francia)
  • Dagga (Sudafrica)
  • Hash (Regno Unito)
  • Kannabis (Finlandia)
  • Taima (Giappone)
  • Porkanchaa (Tailandia)
  • Qinnib (Paesi arabi)

Germinazione dei semi e la crescita della Cannabis sativa

La germinazione dei semi della Cannabis sativa richiede dalle dodici ore fino agli otto giorni. Dopo due o quattro giorni di germinazione, il rivestimento si apre e espone la radice. La fase di semina dura da una a quattro settimane ed è il periodo di massima vulnerabilità nel ciclo vitale della pianta. Richiede livelli di umidità moderati, intensità della luce da media ad alta e umidità del suolo adeguata ma non eccessiva.

In fase vegetativa, continua a crescere verticalmente e produce nuove foglie. Lo sviluppo di queste piante aumenta significativamente nella fase di pre-fioritura con la produzione di più rami e nodi. La fase di fioritura varia tra circa sei, fino alle ventidue settimane e necessita di luce ridotta.

Parti commestibili e modalità di consumo

Le parti di piante che vengono consumate per vari scopi sono le foglie, i germogli e i semi. Il seme può essere usato crudo o cotto. Può essere secco e consumato come condimento ed è piuttosto gustoso, ma è molto difficile separarlo dalla buccia. Il seme contiene circa il 27,1% di proteine, il 25,6% di grassi, il 7,4% di carboidrati, il 6,1% di ceneri. Le foglie contengono lo 0,215% di carotene e sono usate molto spesso per le zuppe.

Semi di Cannabis
Semi di Cannabis

Gli altri vari metodi di consumo della cannabis sativa sono fumandola o con il consumo orale. In genere, si ritiene che il fumo produca un effetto più rilassante in confronto alla vaporizzazione o a mangiarla. Fumandola, si tende ad ottenere effetti più intensi. Per consumo orale, la Cannabis sativa o il suo estratto devono essere sufficientemente riscaldati o disidratati.

La cannabis può anche essere consumata come un tè alla cannabis. L’uso della Cannabis sativa dipende totalmente dalla conoscenza tradizionale, che si trasmette attraverso le tradizioni familiari, fondamentalmente attraverso conversazioni orali. Tuttavia, la conoscenza sull’importanza medicinale è disponibile solo in forma scritta.

Uso della cannabis sativa nella medicina

La cannabis è stata usata come medicina prima dell’era cristiana in Asia, in particolare in India. L’uso medicinale della cannabis ha una storia molto lunga. È stata usata per il trattamento di varie malattie dal Periodo Vedico. È ben nota per varie forme di trattamenti medici non formali.

Il valore medicinale della Cannabis comprende sostanze intossicanti, analgesiche, narcotiche, stomachiche, antispasmodiche, anodine, sedative e molte altre ancora. Le foglie di Cannabis sativa hanno la capacità di curare più di venticinque malattie mentre i semi sono usati per trattare tumori e ulcere cancerose.

Negli ultimi cinquant’anni ci sono più di mille pubblicazioni scientifiche che descrivono vari aspetti della Cannabis sativa. I prodotti a base di Cannabis devono essere usati con attenzione in quanto possono indurre deficit cognitivi e possono aumentare i fattori di rischio per la salute e l’insorgenza di psicosi tra i giovani.

L’India è un paese di fede e misticismo, e l’Ayurveda è la loro antica medicina. La cannabis era legata alle religioni in India, specialmente nell’indù e in numerose altre religioni. Il sistema di medicina ayurvedica si basa su un sistema medico concettuale che dipende dal bilanciamento di tre funzioni elementi del corpo umano

In India, le proprietà e l’uso della Cannabis sativa sono state descritte da molti medici ayurvedici in migliaia di anni. Nell’Ayurveda, la cannabis era anche usata nel tempo libero a scopo ricreativo e come componente in varie preparazioni per aiutare la digestione.

Uso medico e miglioramenti nei trattamenti

L’uso medico della canapa indiana fu introdotto nell’Occidente nel diciannovesimo secolo nel trattamento della diarrea e delle emorroidi. I moderni utilizzi della Cannabis descrivono svariati miglioramenti nei trattamenti medici:

  • Eliminazione del catarro
  • Miglioramento della digestione
  • Aumento del calore corporeo
  • Miglioramento del flusso della bile
  • Stimolazione dell’appetito
  • Miglioramento dei gusto

La ricerca scientifica sulla Cannabis Sativa

Recenti studi sul consumo della cannabis sativa hanno riportato che il sonno ha un miglioramento del novanta per cento. La maggior parte delle affermazioni sono pienamente confermate dalle moderne ricerche scientifiche e cliniche. In effetti, i ricercatori moderni della Cannabis hanno riconosciuto il ruolo integrale che la cultura indiana ha svolto nella comprensione della biochimica della cannabis.

Leggi anche:
Fame chimica

La ricerca clinica sulla cannabis è stata limitata per un lungo periodo a causa della sua illegalità. Gli ultimi due decenni hanno visto un rinnovato interesse per il potenziale terapeutico della Cannabis. Recenti studi scientifici sui recettori cannabinoidi nel cervello e nel corpo, hanno dimostrato che rispondono farmacologicamente alla Cannabis.

I ricercatori hanno esplorato le sue applicazioni in ogni area della medicina. Mentre la cannabis rimane illegale secondo la legge in moltissimi paesi del mondo, molti altri stati hanno reso disponibile l’uso medico della cannabis secondo le loro leggi statali. L’effetto psicoattivo del THC è una delle attività biologiche meglio studiate al mondo.

Questa scoperta ha aperto la possibilità di sfruttare i prodotti a base di cannabis per uso medico. Nonostante le preparazioni farmaceutiche a base di Cannabis, l’uso della sua forma naturale per scopi medicinali è progredita solo di recente.

La cannabis non dovrebbe essere conosciuta solo per il suo agente psicoattivo, ma anche essere riconosciuta come il fornitore di fibre più forte e fonte di alcuni oli alimentari nutrienti. Come pianta medicinale attiva, la Cannabis è stata utilizzata in tutto il mondo per millenni, rendendola una delle più antiche piante medicinali conosciute al mondo.

Le aziende farmaceutiche

Le varie classi di composti trovati nella Cannabis, inclusi flavonoidi e alcaloidi, e la maggior parte di questi costituenti non è stata ancora adeguatamente caratterizzata per l’attività biologica. Pertanto, la pianta di Cannabis sativa potrebbe essere definita un “tesoro farmacologico trascurato“.

Tuttavia, un numero crescente di aziende farmaceutiche ha iniziato a pensare ai cannabinoidi sintetici come farmaci terapeutici. Al momento sono già disponibili numerosi preparati basati sulle attività biologiche dei cannabinoidi.

Si prevede che un numero considerevole di farmaci a base di cannabinoidi entrerà nel mercato nei prossimi anni. Inoltre, c’è ancora molto lavoro per capire il potenziale della pianta della cannabis. Un futuro con farmaci a base di cannabis sembra quindi molto probabile.

Un’ulteriore comprensione della cannabis come medicinale attraverso la ricerca scientifica è giustificata. Essendo una pianta attiva dal punto di vista medico, la Cannabis è stata utilizzata in tutto il mondo per millenni. Una delle più antiche piante medicinali conosciute.