Olio di THC o olio CBD? Qual è il migliore?

In questo articolo affronteremo un argomento molto interessante, olio di THC o olio CBD, vediamo quale sia il migliore.

Meglio l’olio di THC o l’olio CBD? Vediamone le differenze. I tempi sono cambiati e ad essere onesti, sempre più persone stanno iniziando a credere nei benefici per la salute che la cannabis promette. E perché non dovrebbero, poiché la cannabis è stata usata per secoli per curare sintomi diversi causati da condizioni diverse.

E anche se non tutti noi siamo pronti a immergerci nel “mondo” del fumare la marijuana per migliorare la nostra salute, molti di noi sono più aperti a provare prodotti come l’olio di THC.

Olio di THC e di CBD: Le differenze

Esiste più di un tipo di olio di THC. Non tutti gli oli di cannabis provocano effetti psicoattivi. Alcuni lo fanno, altri no. Entrambi gli oli, sia l’olio di THC che di CBD, sono prodotti utilizzando la cannabis. Da un lato, il THC è anche noto come Tetraidrocannabinolo ed è il principale composto psicoattivo presente nella cannabis.

Olio di THC
Olio di THC

Il THC è responsabile della sensazione di rilassamento, fame chimica, affaticamento e riduzione dell’aggressività che si avverte quando si utilizza qualsiasi tipo di cannabis. D’altra parte, il CBD, o anche noto come Cannabidiolo è un altro composto psicoattivo, che tuttavia, ha meno influenza rispetto al THC.

Il CBD provoca una riduzione dell’ansia, una riduzione dell’infiammazione e una riduzione dei sintomi psicoattivi. Come puoi concludere sapendo tutto questo, il CBD è più comunemente usato in termini medici a causa dei ridotti sintomi psicoattivi che provoca. Quando si utilizza l’olio di CBD, si ha la possibilità di andare avanti con la solita routine senza sentirsi ansiosi e stanchi.

Questi sono solo alcuni dei sintomi caratteristici psicoattivi che il CBD provoca. L’olio di CBD riesce a trattare diversi tipi di dolore articolare.

Quando si può utilizzare l’olio di THC e di CBD

La principale differenza tra l’olio di THC e l’olio di CBD è negli effetti che causano. Un’altra differenza è nelle condizioni in cui vengono utilizzati. Vediamo qui di seguito alcune delle varie condizioni in cui l’olio di THC può essere utilizzato.

Quando utilizzare l’olio di THC

  • Chemioterapia: L’olio di THC viene comunemente usato durante il periodo di chemioterapia poiché il THC può ridurre la nausea e il vomito e aumentare l’appetito del paziente. Nausea, vomito e scarso appetito sono effetti collaterali comuni della chemioterapia che causano enormi difficoltà per i pazienti.
  • AIDS: Questa è un’altra condizione in cui l’olio di THC viene utilizzato per la sua capacità di aumentare l’appetito e ridurre la nausea e il vomito. Inoltre, allevia i sintomi causati dall’AIDS.
  • Lesione spinale: I tremori sono effetti indesiderati comuni che si verificano dopo una lesione spinale. Tuttavia, questo non è qualcosa che non può essere risolto con l’aiuto di un po ‘di olio di THC.
  • Malattia di Parkinson: Riduce anche i tremori causati dalla malattia di Parkinson.

Queste sono solo alcune delle condizioni più comuni trattate con l’uso dell’olio di THC. Di seguito, vediamo le condizioni più comuni che possono essere trattate con l’uso dell’olio di CBD.

Quando utilizzare l’olio di CBD

  • Artrite: L’olio di CBD ha proprietà anti-infiammatorie. Significa che può ridurre l’infiammazione. Come forse sapete, quando si ha a che fare con l’artrite, l’infiammazione è il problema principale che causa tutti gli altri sintomi. Fortunatamente, l’infiammazione non è un problema per l’olio di CBD poiché lo ridurrà gradualmente.
  • Depressione e ansia: Questi due problemi mentali non sono nulla che l’olio di CBD non possano trattare. Poiché causa pochi o nessun sintomo psicoattivo, l’olio di CBD non si sommerà a queste condizioni già sensibili, ma al contrario; ridurrà con successo l’ansia e alzerà lo mentale di un po ‘, diminuendo i sintomi della depressione.
  • Schizofrenia: La schizofrenia potrebbe essere una condizione difficile da controllare, tuttavia, questa affermazione non è più vera ora che abbiamo l’olio di CBD per aiutarci. L’olio di CBD riduce con successo i sintomi fotoattivi causati dalla schizofrenia e aiuta a tornare alla vita normale.

Conclusioni sull’olio di THC

C’è una differenza tra il THC e l’olio di CBD, sebbene entrambi siano prodotti che in generale sono a base di cannabis. Come accennato in precedenza, l’olio di CBD causa pochi o nessun sintomo psicoattivo rispetto all’olio di THC. Qualcuno, lo usa per rilassarsi o per godersi gli effetti caratteristici dell’uso della cannabis.

Quello che bisogna sapere, è che bisogna sempre informarsi sul tipo di olio di cannabis che si sta pensando di volere usare e soprattutto sugli effetti che esso provoca. Meglio ancora, anzi, imperativo rivolgersi al proprio medico di famiglia prima di pensare all’utilizzo dell’olio di THC.

L’olio che potresti avere in mente di utilizzare potrebbe non essere esattamente benefico per la tua condizione di salute. Gli oli di cannabis possono trattare diversi tipi di artrite e i sintomi della depressione, ma hai bisogno del tipo giusto.

Altri articoli che ti potrebbero interessare: