Effetti della marijuana

Quali sono gli effetti della marijuana. Quando la si fuma, il THC e altre sostanze chimiche passano dai polmoni al flusso sanguigno. Queste sostanze, passano rapidamente attraverso il corpo arrivando fino al cervello.

Una persona inizia a sperimentare gli effetti della marijuana quasi immediatamente dopo averla fumata. Molte persone provano una piacevole euforia e senso di rilassamento. Altri effetti comuni, che possono variare notevolmente tra le diverse persone, includono una percezione sensoriale intensificata.

Ad esempio, possono percepire colori più brillanti o avere una percezione alterata del tempo e un’aumento dell’appetito (Fame chimica).

Effetti marijuana

Se la marijuana viene consumata in alimenti o bevande, questi effetti sono in qualche modo ritardati. Di solito, si possono manifestare dopo circa trenta minuti o un ora. Succede perché le sostanze della marijuana devono prima passare attraverso il sistema digestivo.

Effetti della marijuana
Effetti della marijuana

Mangiare o bere marijuana produce molto meno THC nel sangue rispetto al fumo. A causa degli effetti ritardati, le persone potrebbero inavvertitamente consumare più THC di quanto non intendano. Le piacevoli esperienze con la marijuana non sono affatto universali.

Invece di rilassamento ed euforia, alcune persone provano ansia, paura, sfiducia o panico. Questi effetti sono più comuni quando una persona ne consuma troppa. La marijuana ha una potenza inaspettatamente alta, soprattutto su persone che non l’hanno mai provata.

Se si assumono grandi dosi di marijuana, si possono sperimentare casi di psicosi acuta che includono effetti di allucinazioni. Si possono sperimentare anche reazioni piuttosto sgradevoli ma temporanee che sono distinte da disturbi psicotici di lunga durata.

Anche se le quantità rilevabili di THC possono rimanere nel corpo per giorni o addirittura settimane dopo l’uso, gli effetti della marijuana evidenti generalmente durano da una fino a tre ore. Gli effetti della marijuana consumati nel cibo o nelle bevande possono durare per molte ore.

Gli effetti della marijuana sul cervello

La struttura chimica del THC è simile all’anandamide chimica del cervello. La somiglianza nella struttura consente al corpo di riconoscere il THC e di alterare la normale comunicazione cerebrale. I cannabinoidi endogeni come l’anandamide, funzionano come neurotrasmettitori perché inviano messaggi chimici tra le cellule nervose chiamate neuroni, in tutto il sistema nervoso.

Effetti marijuana sul cervello
Effetti marijuana sul cervello

Influenzano le aree cerebrali del piacere, della memoria, del pensiero, della concentrazione, del moviment e della coordinazione. A causa di questa somiglianza, il THC è in grado di legarsi alle molecole chiamate recettori cannabinoidi sui neuroni in queste aree cerebrali e attivandole.

Vengono interrotte varie funzioni mentali e fisiche e causano gli effetti descritti in precedenza. La rete di comunicazione neurale che utilizza questi neurotrasmettitori cannabinoidi, noti come sistema endocannabinoide, svolge un ruolo importantissimo nel normale funzionamento del sistema nervoso.

Gli effetti del THC sul cervello

Il THC è in grado di alterare il funzionamento dell’ippocampo e della corteccia orbitofrontale. Sono le aree del cervello che consentono a una persona di formare nuovi ricordi. Di conseguenza, l’uso della marijuana provoca problemi di pensiero e interferisce con la capacità di una persona di apprendere e svolgere compiti complicati.

Il THC interrompe anche il funzionamento del cervelletto e delle aree cerebrali che regolano l’equilibrio, la postura, la coordinazione e il tempo di reazione. Questo è il motivo per cui le persone che hanno usato marijuana potrebbero non essere in grado di guidare in sicurezza.

Gli effetti della marijuana provocano anche problemi nel praticare sport o nell’impegnarsi in altre attività fisiche. Il THC stimola i neuroni nel sistema rilasciando la dopamina chimica di segnalazione a livelli più alti di quelli osservati tipicamente in risposta a stimoli naturali.

Questo flusso di dopamina contribuisce all’aumento del senso di piacevolezza che molte persone cercano usando la marijuana ricreativa.

Quali sono gli effetti a lungo termine della marijuana sul cervello?

Prove sostanziali della ricerca sugli animali e un numero crescente di studi sugli esseri umani indicano che gli effetti della marijuana durante lo sviluppo può causare cambiamenti avversi a lungo termine o eventualmente permanenti nel cervello.

Esperimenti su dei ratti esposti al THC prima della nascita, mostrano notevoli problemi con specifici compiti di apprendimento e di memoria. I disturbi cognitivi nei ratti adulti esposti al THC durante l’adolescenza sono associati a cambiamenti strutturali e funzionali nell’ippocampo.

L’impatto della marijuana sulla struttura del cervello negli esseri umani mostra risultati contrastanti. Alcuni studi suggeriscono che l’uso regolare della marijuana nell’adolescenza sia associato a una connettività alterata e a un volume ridotto di specifiche regioni cerebrali.

Queste regioni sono coinvolte in una vasta gamma di funzioni per l’esecuzione della memoria, per l’apprendimento e per il controllo degli impulsi rispetto alle persone che non ne usano. In altri studi non si trovano differenze strutturali significative tra il cervello di chi ne fa uso e altri no.

Studi effetti marijuana

Diversi studi, tra cui due ampi studi, suggeriscono che l’uso della marijuana può causare compromissione funzionale delle capacità cognitive. Il grado e la durata della menomazione dipende dall’età in cui una persona ha iniziato ad usarla e per quanto tempo l’ha usata. Un ampio studio ha rilevato che il disturbo persistente nell’uso di marijuana con uso frequente a partire dall’adolescenza era associato a una perdita di una media di sei fino a otto punti di quoziente di intelligenza.

In quello studio, coloro che hanno usato marijuana pesantemente da adolescenti e smettono di usarla da adulti, non ha recuperato i punti di QI persi. Le persone che hanno iniziato a usare la marijuana solo pesantemente nell’età adulta non hanno perso punti di quoziente di intelligenza. Questi risultati suggeriscono che la marijuana ha il suo più forte impatto a lungo termine sui giovani il cui cervello è ancora impegnato a costruire nuove connessioni e a maturare in altri modi.

Il sistema endocannabinoide è noto per svolgere un ruolo importante nella corretta formazione delle sinapsi, cioè le connessioni tra i neuroni durante lo sviluppo precoce del cervello. Recenti risultati di due studi non hanno supportato una relazione causale tra l’uso di marijuana e la perdita di quoziente di intelligenza.

Coloro che hanno usato marijuana hanno mostrato un significativo declino delle abilità verbali. Questo declino è l’equivalente di circa quattro punti di quoziente di intelligenza. In generale, la conseguenza nelle persone che ne hanno fatto uso negli anni preadolescenziali dai nove ai dodici anni.

Il declino di quoziente di intelligenza osservato, suggerisce che tuttavia può essere causato da fattori familiari condivisi come ad esempio la genetica, l’ambiente familiare e non dall’uso della marijuana stessa. Va notato però, che questi studi avevano una durata inferiore a lo studio non ha esplorato l’impatto di dose di marijuana pesanti.

La capacità di trarre conclusioni definitive sull’impatto a lungo termine della marijuana sul cervello umano dagli studi precedenti è spesso limitato dal fatto che i partecipanti allo studio utilizzano più sostanze e spesso i dati relativi alla salute o al funzionamento mentale dei partecipanti sono limitati prima dello studio.

Gli effetti della marijuana influiscono nella guida?

La marijuana altera significativamente il giudizio, la coordinazione motoria e il tempo di reazione. Alcuni studi hanno trovato una relazione diretta tra concentrazione di THC nel sangue e abilità motorie alterate. La marijuana si è trovata più frequentemente nel sangue dei conducenti coinvolti in incidenti automobilistici, compresi quelli fatali.

Due grandi studi europei hanno scoperto che i conducenti con THC nel sangue avevano circa il doppio delle probabilità di essere colpevoli di un incidente fatale dei conducenti che non avevano usato droghe o alcol. Tuttavia, il ruolo giocato dalla marijuana negli incidenti è spesso poco chiaro perché può essere rilevato nei fluidi corporei per giorni o addirittura settimane.

Questo perché spesso le persone combinano l’alcol con gli effetti della marijuana. Le persone coinvolte in incidenti stradali con THC nel sangue, in particolare con livelli più alti, hanno da tre a sette volte più probabilità di essere responsabili di incidenti rispetto ai conducenti che non hanno usato droghe o alcool.

Il rischio associato alla marijuana in combinazione con l’alcol sembra essere maggiore di quello di uno dei due da soli. Diverse meta-analisi di più studi hanno rilevato che il rischio di essere coinvolti in un incidente è aumentato significativamente dopo l’uso di marijuana.

In alcuni casi, il rischio è raddoppiato o più che raddoppiato. Tuttavia, un ampio studio nazionale per la sicurezza del traffico autostradale non ha riscontrato un aumento significativo del rischio di incidente attribuibile alla cannabis dopo aver controllato l’età, il sesso, la razza e la presenza di alcol nei conducenti.

Altri articoli che ti potrebbero interessare: