Cura per il diabete

Cura per il diabete con la Cannabis, un gruppo di malattie metaboliche caratterizzate da alti livelli di zucchero nel sangue.

Il diabete è causato dal corpo che non può metabolizzare correttamente lo zucchero nel sangue o perché la produzione di insulina non è sufficiente. Può essere causato dalla genetica, dall’aumento di peso, dall’inattività, dall’esposizione di un virus o per alti livelli di trigliceridi.

I trigliceridi sono un tipo di grasso immagazzinato nel sangue, bassa lipoproteina ad alta densità noto anche come colesterolo buono o alta pressione sanguigna. Il diabete colpisce milioni di persone in tutto il mondo e porta alla morte di circa cinque milioni di persone ogni anno sempre in tutto il mondo.

Queste morti avvengono anche nonostante l’utilizzo di molti farmaci esistenti contro il diabete.

Cura per il diabete con la cannabis

La marijuana come medicina alternativa per contrastare questo gruppo di malattie non è una novità. Un documento di ricerca americano di quasi quindici anni fa afferma che la cannabis offre diversi benefici per la salute per le persone che soffrono di diabete.

Cura per il diabete
Cura per il diabete

Questi effetti benefici della marijuana sono soprattutto da attribuire alla sua capacità di stabilizzare gli zuccheri nel sangue. Le proprietà antinfiammatorie della marijuana si sono dimostrate efficaci nel ridurre l’infiammazione arteriosa che si verifica in genere con il diabete.

In effetti, la marijuana non è solo un buon rimedio per il diabete. Sei anni fa sono stati pubblicati i risultati di uno studio di cinque anni sugli effetti della marijuana sul glucosio.

I risultati hanno mostrato che i livelli di insulina a digiuno erano del sedici per cento inferiori a quelli che non avevano mai fumato erba prima. Gli attuali utilizzatori di marijuana hanno anche livelli più elevati di HDL e bassi livelli di resistenza all’insulina.

D’altra parte, i partecipanti che non erano attuali utilizzatori di marijuana ma che l’avevano usata in qualche momento della loro vita, hanno mostrato risultati simili, anche se le differenze non erano così significative. Questo ci dice che i benefici protettivi della marijuana diminuiscono col tempo.

Altri studi scientifici sulla cannabis e il diabete

Secondo un ricercatore di medicina americano, la scoperta più importante è che gli attuali utilizzatori di marijuana sembravano avere un metabolismo dei carboidrati migliore rispetto ai non utilizzatori. I loro livelli di insulina a digiuno erano più bassi e sembravano essere meno resistenti all’insulina prodotta dal loro corpo per mantenere un normale livello di zucchero nel sangue.

In altre parole, il consumo regolare di marijuana può prevenire il diabete. Ma non è tutto, gli studi dimostrano che la marijuana è davvero potente nel combattere questa temuta malattia. Un altro studio pubblicato cinque anni fa ha concluso che i partecipanti che hanno usato la marijuana in passato o fino al momento dello studio hanno rivelato bassi livelli di insulina a digiuno.

Non solo, anche bassi livelli di glucosio, diminuzione della resistenza all’insulina, riduzione del BMI e del girovita. I risultati di un recente studio indica che le proprietà antinfiammatorie del CBD sono un trattamento efficace per varie malattie, incluso il diabete.

Glaucoma

Il glaucoma è un effetto collaterale del diabete. Le persone con diabete hanno il quaranta per cento in più di probabilità di sviluppare la retinopatia. Un nome usato per descrivere le complicanze correlate al glaucoma. Nel glaucoma, la pressione aumenta dietro l’occhio che può interrompere il flusso sanguigno con conseguente danneggiamento del nervo ottico.

Leggi anche:
Fame chimica

Poiché la pressione continua a crescere e il danno al nervo peggiora, il glaucoma può portare alla cecità. La cannabis medica è stata a lungo prescritta già per quelli con glaucoma. Il vaso è stato scientificamente e clinicamente testato per trattare l’infiammazione che si verifica a causa di un maggior flusso sanguigno e danni ai nervi.

Tuttavia, il sollievo fornito dalla marijuana medica è temporaneo ed è per questo che i medici raccomandano ai pazienti di utilizzarla al massimo tre volte al giorno. L’abuso della marijuana medica è un motivo per cui molti medici sono piuttosto riluttanti a raccomandarla.

La supervisione del medico di famiglia nell’uso della marijuana medica per alleviare i disturbi associati al glaucoma sono molto importanti. Questo perché è una malattia progressiva e non esiste ancora nessuna cura definitiva a questa malattia.

Altri articoli che ti potrebbero interessare: