Morbo di Alzheimer: Il THC come cura?

Uno studio scientifico di cinque anni fa ha dimostrato che piccole quantità di THC possono rallentare la progressione del morbo di Alzheimer nei pazienti.

La marijuana è accettata in molti paesi del mondo per i suoi benefici medicinali, in particolare per la gestione del dolore, il trattamento del cancro, la nausea e la depressione e per molte altre malattie. Il THC ha la capacità di interrompere la produzione di una proteina nota come beta-amiloide che si accumula e che causa la malattia del morbo di Alzheimer.

Secondo l’autore principale di questo studio condotto in America; il THC è noto per essere un potente antiossidante con proprietà neuroprotettive. Il THC influenza direttamente la patologia dell’Alzheimer diminuendo i livelli di beta amiloide, inibendo la sua aggregazione.

Altre ricerche scientifiche sul THC

Un neuroscienziato Americano ha inoltre aggiunto che la diminuzione dei livelli di beta amiloide significa minore aggregazione, che può proteggere contro la progressione della malattia del morbo Alzheimer. Il THC è un inibitore dell’amiloide naturale e relativamente sicuro, il THC o i suoi analoghi possono aiutarci a sviluppare un trattamento efficace in futuro.

Morbo di Alzheimer
Morbo di Alzheimer

I ricercatori di alcuni studi scientifici affermano che quando il THC viene somministrato a basse dosi, i suoi benefici per la salute superano i possibili rischi di deterioramento della memoria e di tossicità. Un professore di psicologia e neuroscienze e un esperto di infiammazione del cervello e morbo di Alzheimer americani hanno iniziato a studiare i cannabinoidi.

Hanno scoperto che molte persone anziane hanno contratto il morbo di Alzheimer più precocemente di quelli che hanno fumato marijuana negli anni settanta.

L’effetto della cannabis sul cervello

La cannabis ha proprietà anti-infiammatorie, l’infiammazione del tessuto neurale può essere in parte responsabile del morbo di Alzheimer, del morbo di Parkinson, della sclerosi multipla e di altre malattie neurodegenerative. Molti studi sono stati condotti nel tentativo di collegare i legami tra neuroinfiammazione e il sistema endocannabinoide.

Uno studio di dieci anni fa che esaminava il cervello di individui deceduti con morbo dell’Alzheimer mostrava che c’erano cambiamenti significativi nel loro sistema endocannabinoide. In particolare, un’espressione accresciuta dei recettori dei cannabinoidi situati nella microglia o delle cellule immunitarie primarie del sistema nervoso centrale.

Quando il morbo di Alzheimer inizia a formarsi nel corpo, avrà conseguenze sul sistema endocannabinoide. Quindi, quando il sistema endocannabinoide non è più funzionale, questo porta alla progressione del morbo di Alzheimer. In secondo luogo, la cannabis è anche un antiossidante che ha benefici protettivi sul cervello.

Leggi anche:
Fame chimica

Molte malattie neurodegenerative, incluso l’Alzheimer, sono anche causate dallo stress ossidativo dall’aumento dei livelli di antiossidanti nel corpo. L’infiammazione si traduce in stress ossidativo, diminuisce le capacità antiossidanti delle nostre cellule e induce l’organismo a produrre più radicali liberi.

Tutte queste attività interrompono la funzione della sinapsi nel cervello e provocano la perdita di neuroni che alla fine portano a disturbi della memoria e altre condizioni neurologiche. In terzo luogo, la cannabis promuove anche la neurogenesi o la crescita di nuovo tessuto neurale.

I pazienti affetti da Alzheimer sperimentano una massiccia ripartizione del tessuto nervoso che si manifesta quando i sintomi della malattia iniziano a manifestarsi. Oltre a ciò, la neurogenesi viene anche interrotta a causa della presenza di proteine beta-amiloide.

Le terapie, come i farmaci a base di olio di cannabis, possono aiutare a stimolare la neurogenesi e a prevenire o a rallentare il morbo di Alzheimer. Mentre le vaste parti e processi del cervello umano lasciano ancora molto da capire, è chiaro che prevenire le malattie neurodegenerative più avanti nella vita significa che dobbiamo prenderci più cura del nostro cervello.

L’esercizio fisico regolare è fondamentale per prevenire il declino cognitivo quando invecchiamo, ma l’aggiunta di alcuni tipi di marijuana al nostro stile di vita può anche essere estremamente utile a causa dei suoi numerosi effetti terapeutici sul cervello.

La cannabis rallenta la demenza e il morbo di Alzheimer

Tra le molte cose negative e scorrette che si dicono sulla cannabis è che fa male al cervello. Ma poi c’è anche un crescente corpo di prove mediche e scientifiche che indicano che la cannabis è effettivamente benefica per il cervello. Tanto che può essere usata per trattare una serie di disturbi neurodegenerativi.

Una delle più recenti ricerche sulla cannabis mostra che la pianta ha il potenziale per trattare la demenza vascolare. Questo studio ha scoperto che la capacità naturale della cannabis di attivare i recettori CB2 possono essere la chiave per il trattamento della demenza vascolare.

Secondo i ricercatori, la demenza vascolare è il disordine neurodegenerativo altamente devastante dopo la malattia di Alzheimer principalmente nelle persone anziane.

La cannabis è efficace nel trattamento della demenza?

Un’altro studio Americano ha scoperto che somministrare a un paziente sia il CBD che il THC dalla marijuana ha avuto successo nel trattamento della demenza nello stadio iniziale. Chiaramente, questa grande evidenza scientifica, dovrebbe essere più che sufficiente per aiutare a spingere sulla marijuana medica. Lo studio ha rivelato che la cannabis non è utile solo per la demenza allo stadio iniziale, ma può anche essere utile durante le fasi avanzate.

L’estratto dello studio afferma che i rapporti precedenti hanno dimostrato che la combinazione di estratti botanici di tetraidrocannabinolo e cannabidiolo, che sono i componenti di una medicina a base di cannabis, riducono il fenotipo di tipo Alzheimer di nei topi transgenici quando somministrati cronicamente durante la fase sintomatica precoce.

Un’altro recente studio ha discusso i potenziali benefici della marijuana nel trattamento del morbo di Alzheimer. Lo studio ha analizzato il modo in cui il THC è stato in grado di rimuovere l’accumulo di placca nel cervello. I ricercatori hanno anche scoperto che la cannabis previene l’infiammazione, che è un colpevole per i neuroni dannosi nel cervello.

Leggi anche:
Cannabis sativa

È ragionevole concludere che esiste un potenziale terapeutico dei cannabinoidi per il trattamento della malattia del morbo di Alzheimer.

Effetti collaterali dei farmaci da prescrizione

Per affrontare i drastici cambiamenti comportamentali che possono verificarsi a causa del morbo di Alzheimer o della demenza, ai pazienti vengono generalmente prescritti molti tipi di farmaci. Gli antipsicotici e gli antidepressivi sono tra i più comuni.

I farmaci antipsicotici possono aiutare in un sonno di qualità migliore, però, possono avere gravi effetti collaterali come la possibilità di peggiorare alcuni sintomi come la difficoltà di pensare chiaramente e disinteresse. I sintomi della demenza possono essere altrettanto dolorosi per i bambini e per le persone care degli anziani che ne soffrono.

La perdita di memoria, il ragionamento difettoso, un comportamento inappropriato, l’incapacità di comunicare correttamente, problemi di abilità motoria e molti altri. L’accesso alla marijuana medica può migliorare la vita di tutte le famiglie coinvolte in questa devastante malattia.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Vota questo articolo