Sistema endocannabinoide

Gli endocannabinoidi e il sistema endocannabinoide hanno un ruolo estremamente importante nel mantenimento della salute e del benessere generale nel corpo umano.

Gli endocannabinoidi e i loro recettori si trovano in vari tessuti in tutto il corpo. Il sistema endocannabinoide svolge svariati compiti, con un solo obiettivo, l’omeostasi. È un complesso sistema di segnalazione attraverso il quale le cellule, i tessuti e gli organi comunicano nel corpo.

Permette ai processi fisiologici e alla struttura corporea dell’organismo di cambiare significativamente, nonostante i principali cambiamenti nell’ambiente. Questo sistema di segnalazione è utilizzato dall’uomo e da tutti i vertebrati e sviluppato oltre seicento milioni di anni fa.

Sistema endocannabinoide
Sistema endocannabinoide

Gli endocannabinoidi prendono il nome dalla pianta della cannabis. Il prefisso “endo” significa “dentro”, mentre cannabinoide significa “cannabis“. Gli endocannabinoidi sono prodotti da tutti i vertebrati. Al contrario, i fitocannabinoidi sono prodotti da piante come la cannabis. Il prefisso “phyto” significa semplicemente “pianta”.

Sistema endocannabinoide e sistema nervoso

Il sistema endocannabinoide agisce come una sorta di sistema di chiamata di emergenza. Quando i nostri nervi sono sovrastimolati a causa di lesioni, stress, forti emozioni o di un’altra condizione, iniziano a viaggiare troppe cellule nervose dopo i neuroni e c’è il rischio di bruciare le cellule. In questo caso, gli endocannabinoidi si formano nel corpo, da cui le cellule nervose espellono i cannabinoidi.

Tessuto del sistema nervoso
Tessuto del sistema nervoso

In questo modo, avviene la calma del sistema nervoso. Il rilascio di neurotrasmettitori è rallentato, seguito da un cambiamento di umore, aumento dell’appetito e intensità del dolore. In una situazione in cui il corpo elimina una grande quantità di cannabinoidi, si verifica una perdita di memoria. È un meccanismo difensivo del corpo in circostanze straordinarie come incidenti e altri eventi stressanti.

Sebbene ci siano molti articoli su questo argomento, non abbiamo una precisa comprensione dei cannabinoidi e del sistema endocannabinoide. Abbiamo ancora molto da imparare a riguardo, ma è chiaro che il sistema di segnalazione endocannabinoide svolge un ruolo molto importante nel mantenimento della nostra salute generale.

Si è sviluppato per aiutarci a sopravvivere ai rapidi cambiamenti nell’ambiente e ad agire come una sorta di ponte tra il corpo e la mente. Oltre a curare ferite e malattie, ci aiuta a gestire efficacemente i problemi psicologici.

Tetraidrocannabinolo (THC)

Esistono una particolare classe di molecole che aiutano il cervello a elaborare e rispondere a ciò che il corpo percepisce, e viceversa. La scoperta del sistema endocannabinoide sta lentamente cambiando il modo in cui i ricercatori guardano sia alle malattie fisiche che a quelle psichiatriche.

Struttura del Tetraidrocannabinolo
Struttura del Tetraidrocannabinolo

Decenni fa, alcuni scienziati israeliani hanno identificato per la prima volta la struttura molecolare del tetraidrocannabinolo (THC), il composto psicoattivo responsabile del sentirsi “euforico” dopo aver consumato un po ‘di marijuana. Una volta trovata la molecola psicotropa, gli scienziati hanno cercato di capire come funzionava.

Cos’è il sistema endocannabinoide

Se vi siete mai chiesti che cosa causano i notevoli effetti della marijuana, dovete ringraziare il sistema endocannabinoide. Succede quando si fuma uno spinello di marijuana che contiene alte concentrazioni del composto psicoattivo THC. Si tratta della sostanza chimica naturale del sistema endocannabinoide del corpo. Una volta che il composto si è bloccato nel sistema, produce una cascata di cambiamenti chimici che fanno sentire euforici.

Gli endocannabinoidi sono molecole prodotte naturalmente da tutti i vertebrati. Una volta che un endocannabinoide si innesta con un recettore dei cannabinoidi, si innescano cambiamenti chimici che alla fine trasmettono le direzioni alla cellula. Il THC psicoattivo funziona prendendo direttamente i siti di atterraggio per questi cannabinoidi, bloccandoli dall’attivare i recettori dei cannabinoidi.

Mentre normalmente gli endocannabinoidi indicano alle cellule del corpo cosa fare, il THC prende il sopravvento e consegna messaggi quasi uguali, ma non del tutto. Questo perché il THC è simile nella struttura agli endocannabinoidi naturali del corpo. Il THC si inserisce in questi siti recettori, anche se la sostanza chimica proviene da una pianta.

Neurotrasmettitori nel corpo

Altamente concentrato nelle cellule nervose, il sistema endocannabinoide viene spesso considerato uno dei più grandi sistemi di neurotrasmettitori nel corpo. Un neurotrasmettitore è una molecola che trasmette messaggi tra le cellule nervose. Questa comunicazione nervosa è cruciale per il funzionamento generale.

Infatti, gli impulsi elettrici delle cellule nervose ci aiutano a pensare, spostare, sentire, respirare, emulare ed elaborare ciò che ci circonda. La comunicazione nervosa, tuttavia, non è l’unica funzione del sistema endocannabinoide. Mentre i recettori dei cannabinoidi, gli endocannabinoidi e gli enzimi sono considerati i componenti principali di questa rete di gestione su larga scala, gli endocannabinoidi possono anche avere un’influenza su altri recettori.

Ad esempio, i recettori che consentono di percepire sensazioni di bruciore e quelli che influenzano lo sviluppo osseo. Inoltre, molecole diverse dagli endocannabinoidi possono influenzare i recettori dei cannabinoidi, incluse le molecole prodotte dopo aver mangiato acidi grassi omega-3.

Cosa fa il sistema endocannabinoide

La funzione generale del sistema endocannabinoide è di mantenere e regolare l’omeostasi nel corpo. L’omeostasi è il termine scientifico che descrive vagamente uno stato di equilibrio ottimale. Nel corpo umano, il sistema endocannabinoide promuove l’omeostasi aiutando sia il corpo che il cervello a percepire il cambiamento e a rispondere in modo appropriato.

Talvolta, il sistema endocannabinoide viene descritto come un “ponte tra corpo e mente”. Le molecole del sistema endocannabinoide possono essere pensate come dei “vigili urbani”. Il sistema aiuta a coordinare le funzioni corporee in risposta allo stress, collegando il sistema immunitario, il sistema ormonale, il sistema nervoso e quasi ogni altro organo del corpo.

Questo sistema è uno strumento essenziale che ci aiuta a interagire con l’ambiente che ci circonda. Il corpo umano è in uno scambio costante con l’ambiente circostante, adattandosi a nuovi fattori di stress e input continui nel tempo. Lo stress, tuttavia, è più di una brutta giornata. Nel mondo della biologia, lo stress può essere qualsiasi cosa che inneschi una risposta protettiva in natura.

Anche il soltanto vivere è stress. I fattori di stress e gli input possono includere qualsiasi cosa, dalle sensazioni fisiche, allo stimolo visivo, allo stress emotivo, all’esercizio fisico e ad altre cose che si verificano durante la vita quotidiana. La funzione del sistema endocannabinoide è di mantenere il corpo in uno stato ottimale e coordinato, anche a dispetto delle circostanze stressanti.

Tutto sommato, il sistema endocannabinoide ha un’influenza di ampia portata in tutto il corpo umano. In effetti, quasi tutte le sensazioni vitali che si verificano quotidianamente sono, almeno in parte, regolate dai controlli degli endocannabinoidi.

Funzioni principali del sistema endocannabinoide

Ogni recettore dei cannabinoidi è costruito in una particolare forma, consentendo solo alle molecole giuste di legarsi in quella posizione. Gli endocannabinoidi sono molecole che hanno esattamente la struttura giusta, attivando i recettori cellulari e le reazioni scatenanti all’interno delle cellule. Ecco alcune delle funzioni principali del sistema endocannabinoide:

  • Regola il sonno
  • Regola il metabolismo
  • Fame chimica
  • Regola l’umore
  • Funzione immunitaria
  • Riproduzione e fertilità
  • Sensazione di dolore
  • Modulazione della memoria
  • Regolazione della temperatura corporea

Recettori dei cannabinoidi

I recettori dei cannabinoidi sono le “serrature” che bloccano o consentono i messaggi dalle molecole dei endocannabinoidi. Quando le cellule hanno ricevuto troppi messaggi, possono disattivare i loro recettori cannabinoidi. Quando è necessaria una maggiore segnalazione endocannabinoide, le cellule possono sovraregolare i loro recettori cannabinoidi per essere più attenti ai messaggi che gli arrivano.

È interessante notare che questo processo di regolazione potrebbe avere un ruolo nella tolleranza alla cannabis. Quando si consuma troppo THC, i recettori cannabinoidi possono diventare troppo saturi con i messaggi. In risposta, le cellule ridurranno i loro siti di recettori dei cannabinoidi, rendendo il consumatore meno sensibile al THC.

Tuttavia, recenti ricerche suggeriscono che questi recettori cannabinoidi possono tornare a concentrazioni normali entro due giorni circa dall’abbandono della marijuana.

Recettore CB1

Il recettore CB1 si trova prevalentemente in tutto il sistema nervoso centrale e periferico, anche se concentrazioni più basse dei recettori CB1 possono essere trovati negli organi e in altri tessuti. Per la maggior parte, questi siti recettori si trovano sulla superficie delle cellule nervose e aiutano a coordinare la comunicazione tra una cellula e l’altra.

Struttura dei recettori cannabinoidi

Gli endocannabinoidi si legano a questi recettori cellulari, causando cambiamenti negli impulsi elettrici prodotti dalle cellule nervose. In questo senso, gli endocannabinoidi sono considerati neurotrasmettitori. Cambiano la trasmissione elettrica da una cella all’altra. A differenza di altri neurotrasmettitori, gli endocannabinoidi funzionano in un modo insolito.

Piuttosto che stimolare le cellule nervose, gli endocannabinoidi sembrano calmare il sistema nervoso. Possono agire come una pausa per i messaggi altrimenti stimolanti che potrebbero essere trasmessi lungo le cellule nervose. Questo meccanismo generale è forse il motivo per cui i farmaci cannabinoidi, come il cannabidiolo (CBD), hanno dimostrato di essere efficaci nel trattamento di alcuni gravi disturbi convulsivi.

Il recettore CB1 è pervasivo in tutto il cervello. I siti recettori, tuttavia, sono particolarmente concentrati nelle regioni del cervello responsabili del pensiero cosciente superiore, della regolazione del metabolismo e dell’orologio biologico, dei centri per il movimento, dell’elaborazione della memoria e dell’elaborazione della paura.

Nel midollo spinale, le concentrazioni del recettore CB1 sono minori. Nei pazienti che presentano stati di dolore, questo recettore cellulare può aumentare la concentrazione in quest’area. In generale, i recettori cannabinoidi sono altamente reattivi ai cambiamenti nell’ambiente.

Recettore CB2

I recettori CB2 si trovano principalmente nelle cellule immunitarie, contribuiscono nel coordinare le risposte alle infezioni, alle lesioni e in altri modi regolano i compiti per mantenere il corpo sano e al riparo dalle malattie. Recentemente, si è scoperto che il recettore CB2 ha un ruolo nella risposta infiammatoria.

Proprio come il recettore CB1 durante gli stati di dolore, il recettore CB2 aumenta anche la concentrazione nelle aree di infiammazione dei tessuti. Il recettore CB2 è pensato per essere un regolatore del sistema immunitario. I recettori dei cannabinoidi possono essere considerati come delle “serrature”, e gli endocannabinoidi sono le chiavi.

Gli endocannabinoidi nella medicina

Alcune prove scientifiche suggeriscono che la cannabis ha un enorme potenziale medico come medicina alternativa ad alcuni farmaci. Eppure, la marijuana medica non è l’unico modo per occuparsi della salute del sistema endocannabinoide. Gli stessi endocannabinoidi sono in realtà sintetizzati dai grassi che si ottengono dalla dieta. In particolare, gli endocannabinoidi sono costituiti da acido arachidonico, che è derivato da acidi grassi omega-6.

Ci sono anche alcune prove che suggeriscono che gli endocannabinoidi non tradizionali provengono anche da acidi grassi omega-3. Entrambi questi acidi grassi sono abbondanti nel pesce e nelle noci.

Altri articoli che ti potrebbero interessare: